Banner
 
01/10/2012 Progetti
Dalla CR Rovereto una borsa di studio in neurochirurgia

Continua la collaborazione della Cassa Rurale di Rovereto con l'Ospedale Santa Maria del Carmine. Dopo il prezioso contributo assicurato lo scorso anno al reparto di ostetricia e ginecologia per la raccolta dei cordoni ombelicali (confermato anche per l’anno in corso) il consiglio di amministrazione dell’istituto di credito cooperativo ha stanziato ventiquattromila euro per finanziare una borsa di studio della durata di un anno a favore di un giovane specialista in neurochirurgia.

L’iniziativa è stata presentata in un incontro con i giornalisti ospitato alla sede dell’istituto di credito cooperativo. Accanto al presidente della Cassa Rurale, Paolo Marega, del suo vice Franco Schonsberg, del direttore Luca Filagrana e di Romeo Larcher, responsabile dell’ufficio socierano presenti Luciano Flor, direttore generale dell'Azienda provinciale per i Servizi sanitari, Giuliano Mariotti, direttore dell'Ospedale di Rovereto, il responsabile di Neurochirurgia Michele Conti e il primario dell'Unità Operativa di Ortopedia, Paolo Dorigotti.

“Quest’iniziativa è destinata ad assumere una valenza in più – ha osservato Marega – Le risorse che abbiamo deciso di indirizzare a questo intervento erano destinate alla gita sociale. Il consiglio di amministrazione ha ritenuto non fosse il caso di organizzare questa giornata di festa. I tempi sono duri per tutti. Abbiamo optato per un intervento sociale. Infatti la nostra banca non fa distribuzione di utili ma li destina a iniziative di utilità sociale”.

Per garantire qualità sempre maggiore nell’attività medica serve maggiore specializzazione e, in quest’ottica, si inserisce la borsa di studio. “Rendersi conto che le istituzioni del territorio, come la Cassa Rurale di Rovereto, dimostrano attenzione è per noi motivo di soddisfazione – ha aggiunto Luciano Flor - L’iniziativa è destinata ad avere valenza non solo locale ma anche provinciale. Il sistema sanitario, infatti, è dentro il sistema Trentino”.

La nuova risorsa affiancherà i chirurghi nelle procedure operatorie e supporterà l’attività di ricerca scientifica. La funzione di neurochirurgia rientra nell’Unità operativa di ortopedia e traumatologia dell’Ospedale di Rovereto. Da maggio 2010 a oggi sono stati realizzati 350 interventi. “Fondamentale – ha evidenziato Conti – è l’attività di ricerca. In questo segmento è davvero preziosa la borsa di studio istituita dalla Cassa Rurale di Rovereto”.

Menu inferiore
 
Footer
© Federcasse Federazione Italiana delle Banche di Credito Cooperativo Casse Rurali ed Artigiane
Via Lucrezia Romana 41/47 - 00178 Roma
Realizzato da Iccrea Banca