Banner
 
11/05/2016 Pensieri e parole
Pescia: banca in classe per l'uso consapevole del denaro
Gli studenti di quinta elementare in classe con la BCC di Pescia per imparare il valore del denaro.

Quasi 200 studenti delle classi 5^ elementare dei plessi scolastici di Simonetti, Collodi e Torricchio hanno partecipato al progetto di educazione alla legalità democratica attraverso l’uso consapevole del denaro.

L’iniziativa è dell’istituto comprensivo “Rita Levi Montalcini di Pescia” di Pescia in collaborazione con la Banca di Pescia Credito Cooperativo. Molti dei giovani studenti hanno visitato i locali della banca e il caveau. Per molti di essi, non c’è che dire, si è trattata di un’esperienza difficile da dimenticare.

Tutti hanno invece partecipato ad un simpatico questionario anonimo cui è emerso uno spaccato decisamente incoraggiante. La maggior parte di essi conosce qual è l’attività principale della banca, ovvero la raccolta e la custodia dei risparmi per essere poi prestati a chi ne ha bisogno, aziende o famiglie.

La banca è ritenuto il posto più sicuro dove mettere i propri risparmi, e la beneficienza, per molti, è un’attività già sperimentata. Se avessero molto denaro a disposizione, i giovani studenti, lo donerebbero per finanziare adozioni a distanza e la ricerca per cura di malattie. Se invece la banca decidesse di donare un importo consistente alla loro scuola, tra gli interventi più auspicati, c’è l’acquisto di computer e di materiale didattico, libri, quaderni, matite ed altro. Nota dolente, per gli addetti ai lavori, quella dell’impiegato di banca non è la professione preferita ed anzi è ritenuta troppo noiosa e rischiosa per le rapine.

Menu inferiore
 
Footer
© Federcasse Federazione Italiana delle Banche di Credito Cooperativo Casse Rurali ed Artigiane
Via Lucrezia Romana 41/47 - 00178 Roma
Realizzato da Iccrea Banca